Blog|Il Fortunato.

Gli sciocchi aspettano il giorno fortunato. Ma ogni giorno è fortunato per chi sa darsi da fare.
(Buddha)


Ammiro molto chi si dà da fare, non ha tempo per guardare alla fortuna degli altri perché troppo occupato a costruire la sua di fortuna.

Diciamoci la verità, non è vero che siamo empatici!

Anzi dico meglio, è vero solo nella misura in cui l’empatia rientra nei limiti del nostro cerchio emotivo. Mi spiego meglio, se la nostra condizione è di grande gioia ed euforia sarà più facile essere in linea con chi è gioioso come noi, oppure con chi è triste perché in fondo l’importante è stare sullo stesso livello o su uno superiore.

Quando invece le posizioni sono ribaltate avviene qualcosa che non si può chiamare diversamente da invidia.
L’invidia è quella cosa che un amico (anche uno carissimo) ci annuncia una bella notizia, qualcosa che a noi non è successo, (o non succede più) e noi lì per lì facciamo festa ma poi, infondo, speriamo gli capiti qualcosa che riporti il karma in equilibrio.

Questo atteggiamento di disprezzo della gioia, altro non fa che alimentare le nostre energie negative.

L’invidia è un sentimento funesto che oscura l’anima e sporca la quiete.

Alimentare queste energie può solo avvicinarci anche quelle esterne e quindi il circolo vizioso della c.d. sfiga che ci perseguita, continuerà inesorabile.
Continuamente guardiamo chi ha avuto più fortuna di noi con gelosia e, ad un certo punto, la sua felicità ci starà troppo stretta e saremo costretti a non frequentarlo più.

Non riusciamo mai a sporgerci oltre il nostro naso, non siamo capaci di essere felici per le gioie altrui, non facendo altro che attirare la negatività che invece speriamo di rivolgere altrove (al fortunato).

Scaricare le nostre frustrazione sulla fortuna degli altri non cambierà la situazione.

Il fortunato, magari, ha il solo pregio di aver abbassato la testa e lavorato duro per ottenere ciò che ha, magari ha un atteggiamento positivo verso gli altri, è di buon cuore attraendo altrettanto candore.

Guardando solo il traguardo ci perdiamo lo sforzo fatto per giungere alla meta, nessuno taglia il traguardo senza fatica e sacrificio. Un’altra cosa che, forse, aiuta le persone “fortunate” è non essere invidiosi degli altri, mantenendo uno stato di reale gioia per i successi altrui, beneficiando anche del buon umore che ne deriva.

Evitare inutili gelosie permette di vivere più serenamente la propria condizione, qualunque essa sia.

Ognuno è artefice del proprio destino, nel bene o nel male e sarebbe carino pensare al fortunato come qualcuno che ci è riuscito non per volere divino ma per capacità molto terrene, che nulla hanno a che fare con streghe e fattucchiere.

Sarebbe troppo sforzo essere in empatia con il fortunato perché a noi riesce meglio esserlo con lo sfigato.

La Paoletta

Pubblicità