Blog|Posso passare per il caffè?

A riempire una stanza basta una caffettiera sul fuoco. (Erri De Luca)


“Posso passare per il caffè?” Quante volte avete detto o ascoltato questa frase? Personalmente migliaia di volte.

Infondo il caffè fa parte della nostra cultura, non si tratta solo di un sapore unico, piccolo piacere accessibile a tutti, ma è anche un momento di condivisione, la scusa per incontrarsi anche quando si va di fretta.

Date le mie origini campane, sono stata immersa in liquido amniotico a base di caffè ed in cucina c’è sempre una moka appena usata, (come in tutte le cucine del Sud).

Negli anni da informatore scientifico, il caffè era la pausa indispensabile durante le lunghe attese dei medici nei corridoi ospedalieri, oppure un modo per condividere gioie e dolori del lavoro con i colleghi.

E’ successo che un giorno, non saprei nemmeno dire quando, quel caffè ha assunto tutt’un altro sapore. Un sapore molto simile a quello della sorellanza, il sapore di un legame che una volta nato non smetterà mai più di essere, il sapore della profonda sincerità.

Ci siamo trovate incredibilmente simili nonostate tante differenze, lei è la mamma fantastica di ben quattro ragazzi (quando li ho conosiuti erano dei bambini), svegli e dolcissimi ed è sposata con un bravo ragazzo, (nonostante sia juventino). Con lei e la sua famiglia ho condiviso tanti momenti, tutti scolpiti nel mio cuore come dolci praline colorate su una torta bianca.

Ne abbiamo bevuti di caffè, quelli al volo e quelli più lunghi, quelli dolci e quelli amari delle brutte notizie. Mi ha sempre capita in un attimo, non giudicando le mie scelte e tirandomi le orecchie quando ce n’era bisogno.

Spesso eravamo a casa sua, nel frastuono di una casa piena di ragazzi, con un cane e il passaggio dei suoi gatti. Altre invece ero seduta sulla sua scrivania, con il caffè preso al bar all’angolo, le mie visite dovevano durare pochi minuti e invece duravano ore, infatti quello studio medico era volutamente l’ultimo appuntamento della giornata.

Tante volte le ho scritto “posso passare per il caffè?”, non solo perchè ero di passaggio, ma perchè volevo respirare un pò di aria di casa, sentire il chiasso di una famiglia allegra e numerosa, assaporare un po’ di affetto.

Il legame resta, nonostante il tempo e la distanza, nonostante non condividiamo più la vita in maniera quotidiana, ma ci organizziamo con lunghe sedute di chiacchiere ogni volta che è possibile guardarci negli occhi.

Allo stesso passo, con la stessa velocità, ci siamo fermate sempre per aiutare l’altra e ripartire insieme. So per certo che se anche oggi le inviassi un messaggio chiedendole di passare per il caffè, pur sapendo che ci separano 400km, lei riponderebbe subito di sì e preparerebbe la moka, ed io vorrei ancora poterglieli mandare come facevo qualche anno fa, tra un appuntamento e l’altro.

La Paoletta

Se questo articolo ti è piaciuto lascia un commento qui sotto e seguimi su Facebook

Blog|Panino al pomodoro.

L’universo ha senso solo quando abbiamo qualcuno con cui condividere le nostre emozioni.
(Paulo Coelho)


Vi ho già scritto di quanto sia importante nella mia vita la presenza degli amici, quelli veri, quelli che mi vedono sia con i tacchi che in ciabatte e mi amano lo stesso.

Durante l’adolescenza ho cambiato più volte città, quindi scuola e amici. Non è stato mai facile cominciare da capo, trovare spazio in gruppi consolidati, essere accettata. Il vantaggio è che ora ho pezzetti di cuore sparsi in mezz’Italia, non ho paura dei cambiamenti e soprattutto sono cosciente di poter sempre ricominciare da capo.

L’ultimo anno di liceo mi sono trasferita a Lecce.

Al primo giorno di scuola impacciato e pauroso mi sono ritrovata a condividere l’ultimo banco con una ragazza, ricciolina e sorridente. Non sapevo che quel giorno si sarebbe creato un legame che dura immutato tutt’ora e non sapevo neanche che cosa ci avrebbe legate. Non ricordo quando è stata la prima volta in cui è successo, direte voi “cosa sarà mai successo?” Dicevo, non ricordo quando è stata la prima volta in cui abbiamo condiviso un panino, non un panino qualunque, il panino al pomodoro mangiato durante l’ora di filosofia.

Tutti fanno merenda alla ricreazione, noi annoiate dalle infinite parole del vecchio prof., riattivavamo le sinapsi con un po’ di pane al pomodoro.

Dopo qualche tempo era diventato un rito, per sfuggire alla pesantezza della lezione e sopratutto esclusivo, con quel panino a farci da testimone. Ce ne siamo dette di cose in quelle ore, ci scambiavamo opinioni, raccontavamo sogni e desideri. Nell’età in cui credi che tutto andrà come desideri e tutto sembra possibile.

Eravamo convinte di averla fatta franca per l’intero anno, poichè il prof. leggeva gli appunti per tutta la lezione non alzando mai lo sguardo dai suoi piccoli foglietti ingialliti, ed invece fummo sorprese dal fatto che sapeva perfettamente cosa facessimo e ce lo spiattellò davanti a tutti all’ultima lezione.

In realtà non ce ne preoccupammo molto, erano tempi in cui i carboidrati non ci spaventavano, della filosofia ci importava poco e stare seduta accanto ad una ragazza che divideva mezzo panino faceva la differenza.

Quelle chacchiere da banco ora si sono spostate su whatsapp e sono quasi quotidiane, a volte sembrano ancora immerse nell’idillio di due diciottenni, nonostate il tempo e la distanza. Il nostro segreto è che non abbimo mai smesso di condividere i pensieri, le sfide, le piccole e grandi cose della vita. Auguro a tutti di incontrare sul proprio percorso qualcuno che condivida con voi un panino al pomodoro per sempre.

La Paoletta

Se questo articolo ti è piaciuto lascia un commento qui sotto e seguimi su Facebook.