Blog|Ricominciamo su nuove basi.

E’ arrivato il momento di rivalutare la supremazia dell’uomo sul mondo.


Fino ad oggi, ritenendosi invincibile, l’essere umano ha primeggiato sulla Terra servendosene a suo piacimento, spesso violandola. I cambiamenti climatici, il riscaldamento globale e l’estinzione di alcune specie animali sono sempre state sottovalutate come richieste di aiuto dal nostro pianeta. Così nei primissimi mesi dell’anno 2020 un virus ha preso il sopravvento, fermando il mondo intero, a nulla sono servite tecnologia e ricchezze.

Come ho già scritto, in Italia ma anche in Cina, la quarantena ha avuto l’effetto, poco collaterale, di ridurre l’inquinamento dell’aria nonchè quello acustico. Tutto il malessere che ricopre l’umanità costretta in casa o, purtroppo, ricoverata negli ospedali, ha permesso alla natura di riprendersi il suo spazio, seppur in modo violento. Naturalmente l’economia degli Stati non potrà reggere ad un blocco duraturo, e prima o poi si dovrà tornare ai ritmi precedenti. Ma abbiamo capito che sostenere lo stress a cui costringiamo il pianeta non è più possibile. Abbiamo sempre rincorso il benessere, dalla fine della II Guerra Mondiale in poi, quello economico, domani dovremo convertirlo in benessere ambientale.

Dobbiamo imparare ad amare noi stessi come specie appartenente ad un ambiente unico e difficile da riparare, amare ciò che ci circonda, abituarci a lasciare i luoghi che visitiamo come li abbiamo trovati. Ma dobbiamo anche imporci ritmi diversi, adottando accorgimenti che permettano una migliore sostenibiltà del lavoro, in termini di ore e di emissioni, adeguando le politiche aziendali a tutto quello che ci ha mostrato questo periodo di profonda frustrazione.

Un microscopico virus ha sollevato la fragilità di una specie che ha sempre dominato, che ha messo i piedi sulla Luna, che fa crescere le piante nello spazio, che può controllare dispositivi a distanza di centinaia di migliaia di km, e che fino ad ora poco ha potuto contro di lui. Nell’emergenza il maggior problema che l’Italia sta affrontando è quello delle scarse protezioni dei pochi medici specializzati che offre il Servizio Sanitario Nazionale. La sanità è pubblica e garantita a tutti, ma negli anni ha visto ridursi i budget assegnati, a favore di altre ‘priorità’. La speranza è che le centinaia di vittime di questa tragedia servano a capire che i soldi pubblici vanno spesi meglio, bisogna investire sulle borse di specializzazione e sulla ricerca. Vanno garantiti stipendi adeguati agli sforzi che già prima facevano gli staff ospedalieri (medici, infermieri, O.S.S.).

Nel nostro piccolo pensiamo al senso che abbiamo dato fino ad oggi alla nostra vita, alle cose che ci sembravano essenziali e poi di colpo sono svanite, alle certezze che cambiano, alle speranze che prendono una forma diversa. Possiamo anche noi fare la differenza, dalla raccolta differenziata alla raccolta della popò del nostro cane per strada, dal manifestare dissenso alle scelte palesemente scellerate dei governi (no, non mi riferisco ai post su Facebook), fino a resettare comportamenti egoistici, quanto inutili, verso l’ambiente. Liberiamoci del superfluo e badiamo alla sostanza, potrebbe funzionare almeno finchè non ci dimenticheremo di quello che ancora stiamo vivendo.

Se siano riusciti a sostenere lo stress psicologico della clausura domestica, se abbiamo imparato a cucinare, a farci la piega ai capelli da soli allora potremo anche trarre insegnamento da questa paurosa situazione.

La Paoletta

Se questo articolo ti è piaciuto lascia un commento e seguimi su Facebook

Blog|Una vita a metà.

Terza Settimana.


Abbiamo ormai imparato ad uscire solo per necessità, a fare una spesa che duri tutta la settimana e a trovare passatempo da svolgere in casa. Siamo consapevoli dell’enorme vantaggio che diamo a noi stessi e al sistema sanitario restando cheti cheti sul divano in una momentanea semivacanza.

Ci sono categorie di lavoratori che ancora questa settimana affronteranno i rischi del contagio, come le forze dell’ordine, i dipendenti dei supermercati, gli autotrasportatori e gli staff ospedalieri. Loro, nonostante siano stremati, non mollano il colpo, svolgendo turni infiniti. A volte nemmeno adeguatamente protetti dal pericolo.

Viviamo tutti una vita a metà, siamo vivi, proviamo sensazioni, eppure ci mancano moltissime cose, sopratutto le possibilità. Non possiamo uscire, non possiamo incontrare gli altri, non possiamo mangiare fuori o andare a lavoro, tanto meno a scuola e non possiamo più viaggiare.

Viviamo una vità a metà che ha messo in letargo sogni ed aspirazioni. Chi studia per i concorsi sa che sono stati bloccati. Chi aveva messo da parte i soldi tutto l’anno per un viaggio ha dovuto rinunciarvi (spero con rimborso). C’erano poi le coppie che aspettavano il loro matrimonio, con tanto di festa e abbuffata, tutto sospeso.

E come non pensare a tutti quei figli lontani, quelli che sono rimasti al Nord e quelli che vivono in altri paesi del mondo, dove purtroppo si sta verificando lo stesso processo contagioso che abbiamo avuto in Italia. Stiamo assistendo attoniti a ciò che accade in Europa, Spagna, Regno Unito e Germania stanno subendo una ondata di contagi molto più violenta della nostra. Negli Stati Uniti c’è stata una corsa all’acquisto di armi, cosa che a me fa più paura del virus. Guardandoci intorno, con occhi giudiziosi, riflettiamo sul fatto che dover stare a casa non sembra nemmeno tanto male.

Questa settimana è stato emesso un Decreto secondo il quale tutte le attività produttive e di servizi non indispensabili sono chiusi. Il Paese è stato portato in prima marcia poichè deve camminare a passo lentissimo per permettere a quanta più gente è possibile di restare a casa e non dare gambe al virus.

La marcia più bassa è quella che fa andare alla minor velocità ma è anche quella che permette di dare la giusta spinta per ripartire e noi ripartiremo.

Per la serie non tutti i mali vengono per nuocere, da quando ci spostiamo di meno e consumiamo di meno, inquiniamo anche di meno. Le acque dei canali di Venezia sono tornate limpidi e la qualità dell’aria nella Pianura Padana è nettamente migliorata.

Questa situazione ci sta sicuramete insegnando il senso civico e la pazienza. Non possiamo uscire per il bene comune e dobbiamo aspettare, tutti, di tornare a vedere scorrere la vita come eravamo abituati.

La Paoletta

Se questo articolo ti è piaciuto lascia un commento e seguimi su Facebook.

Blog|Hai impastato la pizza?

Il mio resoconto dopo la prima settimana di quarantena.


Siamo arrivati alla prima settimana di restrizioni per cause sanitarie e l’estro italico non ha tardato a mostrare tutta la sua fantasia, nei meme, nelle idee di conforto per i vicini soli e nelle battute che troviamo sui social.

I gesti più belli sono arrivati da quanti hanno offerto pizza e panini al personale sanitario degli ospedali, posti in una situazione di grande impegno fisico e mentale.

Tutte le persone di buonsenso non escono di casa se non per motivi di necessità (per tutti gli altri l’augurio è di non contrarre il virus a terapie intensive piene).

Abbiamo finalmente letto quel libro che stava sul comodino da troppo tempo, apprezziamo i piccoli terrazzi che in città ci proiettano all’aria aperta, guardiamo le serie TV senza perdere ore di sonno e la casa è sempre pulita e profumata.

Nei palazzi si comunica dalla finestra, perché nonostante i cellulari, la mancanza di contatto umano ci fa preferire le urla, come si faceva un tempo. Ho visto signore prendere il caffè in pianerottolo, a debita distanza, pur di stare insieme. I bambini disegnano arcobaleni, simbolo che la tempesta è passata, e sicuramente passerà.

A casa mia sono tornati fortemente in voga i giochi da tavolo e le carte, nemmeno nel periodo natalizio abbiamo giocato così tanto, oltre al fatto che ci litighiamo gli attrezzi per fare sport. Non sono mai stata una fanatica di fitness ma data la scarsa attività quotidiana, volendo evitare di prendere la forma di una balenottera, mi sono data anchi’io allo sport in casa. Questo potrebbe essere il primo anno in cui, al momento giusto, potrei essere pronta alla prova costume!

La vita scorre un po’ più lenta, ci si accorge di cose che prima non notavamo, tipo quanto fosse bello uscire a fare la spesa, quanto ci manchino perfino i parenti noiosi e quanto fosse piacevole il paese quando c’era baccano. Abbiamo riscoperto il gusto delle piccole cose, come fare la pizza in casa, chiamare gli amici lontani e stare in pigiama tutto il giorno.

Sappiamo bene che la situazione è critica sia dal punto di vista sanitario che economico, molte aziende sono chiuse ormai da giorni, scuole ed università tengono lezioni solo online e tanti lavoratori autonomi sono fermi.

Una volta scampato il pericolo dovremo rimboccarci le maniche e combattere un altro tipo di battaglia.

Le vinceremo tutte, perché siamo testardi e non ci piace perdere. Siamo quelli che violano i divieti di uscita, ma siamo anche quelli che hanno superato tantissime difficoltà.

Uniti nella battaglia benché lontani, tutti insieme come quando si cantava l’inno di Mameli dai balconi.

La Paoletta

Se questo articolo ti è piaciuto lascia un commento qui sotto e seguimi su facebook